L'esempio degli adulti per crescere bambini altruisti

Dopo l’anno di vita i bambini iniziano ad aiutare l’altro. Gioca un ruolo fondamentale l’imitazione: l’osservazione di atteggiamenti di aiuto incoraggia i più piccoli ad andare incontro al prossimo. Ad esempio se alla sorellina è caduto un giocattolo o se la mamma chiede di passarle un oggetto, il bambino si adopererà per aiutarli. Sono arrivati a questa conclusione gli studiosi tedeschi dell’Università di Berlino e dell’Università di Münster, dopo un esperimento che ha coinvolto un centinaio di bambini che vivevano in città diverse: la maggior parte dei bimbi ha reagito aiutando chi aveva bisogno, quando a dare l’esempio era un adulto.

La dottoressa Claudia De Giglio, psicologa dello sviluppo della Cooperativa Gialla, ci aiuta a capire il funzionamento di queste dinamiche comportamentali.

 

Dottoressa, questa ricerca parla dell’importanza dell’esempio. I bambini osservano tutto, in primis i genitori, ma se a dare l’esempio negativo sono i nonni o le maestre, che succede?

I bambini hanno bisogno di adulti che li aiutino e insegnino a diventare gentili, rispettosi verso gli altri e responsabili verso la comunità di cui fanno parte. La relazione con i genitori è la prima “scuola” per l’altruismo e le relazioni sociali e quando i bambini trovano nella famiglia una giusta guida si riesce a contenere anche un esempio negativo vicino, come potrebbe essere quello dei nonni o delle maestre. Il genitore deve essere, per primo, un modello etico: i bambini imparano i valori osservando le azioni degli adulti che rispettano. Imparano molto anche riflettendo, insieme ai grandi, sui vari dilemmi del quotidiano.

 

Una delle cose che possono succedere quando si educa con i fatti e non solo a parole è quella di sbagliarsi, di commettere errori. Quando questo succede, cosa deve fare un genitore?

Occorre accettare i propri limiti come genitori. Educare i figli, è una sfida quotidiana e di certo non mancano i momenti di sconforto. Tutti i genitori sbagliano… Sigmund Freud disse: "i mestieri più difficili in assoluto sono, nell'ordine: il genitore, l'insegnante e lo psicologo". Tra genitori e figli fin dalla nascita c’è una collaborazione d’insegnamento e crescita multidimensionale, l’uno impara dall'altro e viceversa.

 

Le regole fanno parte dell’educazione. È importante che siano sempre accompagnate da spiegazioni e atteggiamenti coerenti ma come far capire a un bimbo che una cosa è volergli bene e un’altra che deve seguire certe norme di comportamento?

Proprio dando delle regole. I bambini che crescono in famiglie con un buon sistema di regole e con genitori capaci di immedesimarsi nelle emozioni dei propri figli, sono bimbi che crescono più tranquilli e sereni. Le regole sono importanti nell'educazione poiché forniscono contenimento per i piccoli, promuovendo l'autoregolazione e una necessaria struttura che, se utilizzata con flessibilità, offre ad ogni persona strumenti utili per vivere e muoversi nel mondo. In questo modo impareranno anche ad amare e ad essere amati.

 

Al genitore che desidera essere una brava mamma o un bravo papà capiterà di chiedersi spesso se è all'altezza del ruolo e se rappresenta l’esempio migliore per il proprio bambino. Come possiamo rassicurare i genitori?

Non c’è un metodo prestabilito per essere “bravi genitori”. Per descrivere la relazione con i bambini c'è una bella metafora: “prendersi cura dei figli è come coltivare un giardino ed essere un genitore è come essere un giardiniere”. I bambini sono per loro natura fantasiosi, meravigliosamente inventivi e giocosi, e sono sempre molto diversi dai loro genitori. Quanto più i genitori saranno in grado di lasciarli crescere autonomamente, in un ambiente armonioso e ricco d’amore, tanto più facilmente ogni bambino potrà usare le proprie risorse per far fronte alle sfide che incontrerà lungo il cammino.

 

Vi consiglio di guardare il video che segue.

Scrivi commento

Commenti: 0